L’Hopital “Magnetique”

Mathieu Sibè

Presentato nel gennaio 2020, il dossier mira a sottolineare l’importanza di sostenere la qualità della vita lavorativa degli operatori sanitari. Nel frattempo, la pandemia è dilagata mettendo a dura prova l’intera popolazione e il nostro sistema sanitario. Si è compreso che la difficoltà non è nella gestione del rischio (i professionisti sono preparati e formati), quanto dell’incertezza legata a un rischio sconosciuto, costringendo a decidere nonostante informazioni contraddittorie, frammentarie e fluttuanti.

Ci si aspettava il caos.

Non è successo grazie all’intensa mobilitazione del personale sanitario, che ha fatto fronte in prima linea ad un massiccio afflusso di pazienti mettendo in campo una insospettata ed innovativa cooperazione interprofessionale, alfine di stabilire la continuità dei piani di assistenza e trovando la solidarietà con la riserva sanitaria, l’esercito, le imprese (chiamate per le donazioni) e i cittadini (“proteggere gli assistenti, rimanere a casa!”).

Questo test “straordinario” è indicativo della resilienza individuale dei nostri professionisti, ma anche della resilienza collettiva delle nostre organizzazioni sanitarie nonostante le condizioni iniziali spesso sfavorevoli.

La nostra responsabilità comune è di cercare un’uscita “virtuosa” a questa crisi sanitaria.

Analizzare tempestivamente i feedback consentirà di comprendere gli errori ciclici e strutturali nelle nostre politiche sanitarie e nelle scelte organizzative.

A tal fine occorre relazionarsi con ciascuno degli operatori sanitari in modo che possano esprimere la loro esperienza lavorativa.

Episodi di impegno “al limite” possono dare un senso al lavoro o dare vita alla disillusione.

E’ necessaria “empatia” con il personale sospendendo temporaneamente barriere organizzative/burocratiche per costruire politiche di successo.

In definitiva, è fondamentale per il nostro sistema avviare questa discussione “terapeutica” sul lavoro, le sue risorse e le sue condizioni di esercizio quotidiano.

Non si tratta della solita retorica “bla.bla sui santi/eroi ma di “prendersi cura di coloro che ci curano”.

Questo dossier sulla qualità della vita sul lavoro dei nostri operatori sanitari e le sue modalità di sostegno è quindi propedeutico a qualsivoglia riforma del settore.

Leave a Comment